Trento. Figlio perseguita la madre e la minaccia di morte. La donna chiede aiuto a una parente: «Telefonami durante il giorno, se non rispondo lancia l'allarme»

Martedì 28 Maggio 2024
Trento. Figlio perseguita la madre e la minaccia di morte

TRENTO - Ventinovenne arrestato dai carabinieri per atti persecutori nei confronti della madre, ultrasettantenne. Arrivato a casa della donna, al rifiuto di aprire la porta, l’uomo ha iniziato a inveire contro di lei, urlando e minacciandola di morte, tanto da provocarle un forte stato di ansia e preoccupazione.

Pertanto, impaurita, la vittima ha deciso di chiamare i carabinieri, anche perché il figlio già in passato si era reso protagonista di atti simili nei suoi confronti. Giunta sul posto, la pattuglia dei carabinieri ha individuato il giovane sotto casa e lo ha fermato, mentre altri militari hanno provveduto a tranquillizzare la donna, che ha riferito che quello era soltanto l’ultimo di una serie di episodi analoghi, di essere terrorizzata e di vivere nella paura, tanto da essere arrivata al punto di accordarsi con una parente affinché la contattasse telefonicamente a intervalli regolari, solo per assicurarsi che stesse bene e nel caso di una mancanza di risposta, per allertare subito le forze dell’ordine.

I militari, preso atto della gravità della situazione, hanno proceduto all’arresto del giovane che, su disposizione del Pm, è stato ristretto presso la casa circondariale di Spini di Gardolo, in attesa dell’udienza di convalida.

L’arrestato, poco meno di una settimana fa si era reso responsabile di analoga condotta in danno dell’anziana madre e soltanto qualche giorno prima aveva aggredito due bariste che si erano rifiutate di servirgli una consumazione dopo l’orario di chiusura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci